I FONDI ZENIT

Tutti i fondi sono disponibili presso i nostri partners e presso la sede in modalità CLASSICA (classi R ,E)  o in modalità FAI DA TE (classi W, P6 ,I).

Le classi W (PIR) e P6 sono disponibili ON LINE

Con

entri nel mondo Zenit e puoi sottoscrivere i fondi PIR e Pensaci Oggi  in modalità FAI DA TE velocemente e a costi contenuti

  • Sottoscrivi Online
  • Gestisci i tuoi investimenti
  • Resta sempre aggiornato

Zenit Obbligazionario

LA SICUREZZA DI CHI
HA VOGLIA DI CRESCERE

Il fondo ZENIT OBBLIGAZIONARIO investe principalmente in titoli corporate ed utilizza i mercati azionari come ulteriore fonte di rendimento per un massimo del 20%. Il fondo supporta il tessuto economico italiano investendo almeno il 70% nelle aziende domestiche, con particolare attenzione alle PMI. In portafoglio trovano spazio, in misura minore, anche obbligazioni europee e/o titoli internazionali, nelle loro valute di riferimento per assicurare un effetto diversificazione. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W, disponibile su Zenit Online.

Valore di Rischio*

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Misto

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 2% e il 5%.

*50% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 25% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 20% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Misto.

Classe I – Dati aggiornati al 31-12-2016
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

Il meeting della BCE dello scorso 7 settembre, col rinvio alla fine di ottobre delle decisioni sulla normalizzazione della politica monetaria, ha finalmente riportato un modesto aumento di volatilità sui segmenti a lungo termine, prontamente sfruttata nella gestione del fondo con la ripresa dell’attività di trading sui governativi italiani. Negli USA, con la FED che apre alla possibilità di nuovi rialzi dei tassi, i rendimenti sul segmento medio-lungo termine della curva sono aumentati di circa 20-25 punti base; il cambio Euro-Dollaro si è riportato al di sotto della soglia di 1.18, recuperando parte del terreno perduto nei mesi precedenti (Zenit Obbligazionario è esposto alla valuta americana per circa il 5%).

Leggi tutto

Nel fondo si conferma il buon andamento delle obbligazioni societarie; in evidenza il settore bancario con le emissioni subordinate a testimonianza di una ripresa sul mercato primario. Il fondo ha effettuato alcuni ottimi investimenti sul primario e chiude il mese con un eccellente rendimento, +0.94% classe I, +0.90% classe R, +0.89 classe E.

Da inizio anno è sempre più consolidata la sua posizione di vertice nel gruppo dei fondi italiani obbligazionari misti.

Zenit Pianeta Italia

LE ECCELLENZE PIU’ PROMETTENTI
DEL NOSTRO PAESE

Il fondo ZENIT PIANETA ITALIA investe su titoli azionari del mercato italiano con uno specifico focus sulle società a piccola e media capitalizzazione. È caratterizzato da una gestione dinamica volta alla ricerca di società con buoni fondamentali e prospettive di crescita, senza trascurare le dinamiche di rotazione settoriale. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E (Esente) distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W (Web esente), disponibile su Zenit Online.

Valori di Rischio*

Categoria Assogestioni:
Azionario Italia

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*85% FTSE Italy All-Share Total Return | 15% MTS ex-Bank of Italy BOT.

**Fideuram Azionario Italia

Classe I – Dati aggiornati al 31-12-2016
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri
Stefano Fabiani

Responsabile Azionario e Gestioni Patrimoniali

Stefano Fabiani

Settembre mese molto positivo per il fondo, sia a livello assoluto (+5.31% classe E) che rispetto al benchmark (+3,79%). Il risultato da inizio anno è pari a +32.4% classe I e +31.81% classe R. La classe E (PIR) da inizio attività (22/2) segna un + 30.03%.

I settori industriali, legati ai beni di consumo e ai materiali di base sono stati i migliori contributori nel trimestre; in generale tutta la parte legata al ciclo economico e al comparto delle medie e piccole capitalizzazioni hanno concorso all’ottima performance.

Leggi tutto

In termini assoluti, si evidenziano le scelte di Electro Power System, attiva nello storage di energia, Saes Getters, vero gioiellino “high tech” italiano, Reno de Medici, Elica e Carraro, come storie di ristrutturazioni aziendali di successo, e Bio.On, che grazie ai brevetti sulla “bio-plastica”, è pronta a sfidare i colossi chimici mondiali. Tutte queste posizioni hanno avuto un ritorno nel trimestre superiore al 40%.

Il posizionamento del fondo si conferma molto lusinghiero rispetto alla concorrenza (indice Fideuram Azionari Italia) ed agli altri fondi PIR.

ZENIT OBBLIGAZIONARIO

Il fondo ZENIT OBBLIGAZIONARIO investe principalmente in titoli corporate ed utilizza i mercati azionari come ulteriore fonte di rendimento per un massimo del 20%. Il fondo supporta il tessuto economico italiano investendo almeno il 70% nelle aziende domestiche, con particolare attenzione alle PMI. In portafoglio trovano spazio, in misura minore, anche obbligazioni europee e/o titoli internazionali, nelle loro valute di riferimento per assicurare un effetto diversificazione. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W, disponibile su Zenit Online.

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Misto

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 2% e il 5%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valori di Rischio*

*50% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 25% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 20% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Misto.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

Il meeting della BCE dello scorso 7 settembre, col rinvio alla fine di ottobre delle decisioni sulla normalizzazione della politica monetaria, ha finalmente riportato un modesto aumento di volatilità sui segmenti a lungo termine, prontamente sfruttata nella gestione del fondo con la ripresa dell’attività di trading sui governativi italiani. Negli USA, con la FED che apre alla possibilità di nuovi rialzi dei tassi, i rendimenti sul segmento medio-lungo termine della curva sono aumentati di circa 20-25 punti base; il cambio Euro-Dollaro si è riportato al di sotto della soglia di 1.18, recuperando parte del terreno perduto nei mesi precedenti (Zenit Obbligazionario è esposto alla valuta americana per circa il 5%).

Leggi tutto

Nel fondo si conferma il buon andamento delle obbligazioni societarie; in evidenza il settore bancario con le emissioni subordinate a testimonianza di una ripresa sul mercato primario. Il fondo ha effettuato alcuni ottimi investimenti sul primario e chiude il mese con un eccellente rendimento, +0.94% classe I, +0.90% classe R, +0.89 classe E.

Da inizio anno è sempre più consolidata la sua posizione di vertice nel gruppo dei fondi italiani obbligazionari misti.

ZENIT PIANETA ITALIA

Il fondo ZENIT PIANETA ITALIA investe su titoli azionari del mercato italiano con uno specifico focus sulle società a piccola e media capitalizzazione. È caratterizzato da una gestione dinamica volta alla ricerca di società con buoni fondamentali e prospettive di crescita, senza trascurare le dinamiche di rotazione settoriale. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E (Esente) distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W (Web esente), disponibile su Zenit Online.

Categoria Assogestioni:
Azionario Italia

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valori di Rischio*

*85% FTSE Italy All-Share Total Return | 15% MTS ex-Bank of Italy BOT.

**Fideuram Azionario Italia

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri
Stefano Fabiani

Responsabile Azionario e Gestioni Patrimoniali

Stefano Fabiani

Settembre mese molto positivo per il fondo, sia a livello assoluto (+5.31% classe E) che rispetto al benchmark (+3,79%). Il risultato da inizio anno è pari a +32.4% classe I e +31.81% classe R. La classe E (PIR) da inizio attività (22/2) segna un + 30.03%.

I settori industriali, legati ai beni di consumo e ai materiali di base sono stati i migliori contributori nel trimestre; in generale tutta la parte legata al ciclo economico e al comparto delle medie e piccole capitalizzazioni hanno concorso all’ottima performance.

Leggi tutto

In termini assoluti, si evidenziano le scelte di Electro Power System, attiva nello storage di energia, Saes Getters, vero gioiellino “high tech” italiano, Reno de Medici, Elica e Carraro, come storie di ristrutturazioni aziendali di successo, e Bio.On, che grazie ai brevetti sulla “bio-plastica”, è pronta a sfidare i colossi chimici mondiali. Tutte queste posizioni hanno avuto un ritorno nel trimestre superiore al 40%.

Il posizionamento del fondo si conferma molto lusinghiero rispetto alla concorrenza (indice Fideuram Azionari Italia) ed agli altri fondi PIR.

Pensaci Oggi

L’INNOVAZIONE AL SERVIZIO DEL TUO FUTURO

Il fondo flessibile ZENIT PENSACI OGGI segue una filosofia d’investimento basata su un approccio sistematico e disciplinato ai mercati globali con un orizzonte temporale di medio-lungo termine. Il portafoglio del fondo viene gestito utilizzando una pluralità di strategie che, sapientemente miscelate, consentono di cogliere le migliori opportunità con un contenimento dei rischi. Fonti di rendimento sono costituite dalla gestione dinamica di un portafoglio di azioni europee, dall’investimento in fondi flessibili e a rendimento assoluto e dall’individuazione di azioni e settori dei principali megatrend di lungo periodo.

Valore di rischio*

Categoria Assogestioni:
Flessibile

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 10% e il 15%.

*Benchmark:85% MSCI Daily TR Net World in Local Currency | 15% MTS Bot.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

Nel mese il fondo registra una performance di +3,24% sulla classe R, che porta il risultato da inizio anno a + 4,60%, con una rilevante overperformance sull’indice Fideuram Fondi Flessibili fermo a +2,79%.

Il buon risultato deriva da una serie di scelte che si sono rivelate vincenti:

  • sui singoli titoli, il robusto recupero, dopo un Agosto sottotono, di Prysmian +8,18%, Dassault +6,64% e Soitec +17,69%; presa di profitto su Polo Ralph Lauren e Puma;
  • sugli OICR in portafoglio, risultati brillanti arrivano dallo ZMS – Global Opportunities, da ZMS Stock Picking e dal Lemanik Sicav; nel comparto dei paesi emergenti vi è stata la chiusura con profitto del Brasile;
  • anche la strategia non direzionale pairs trade, ha contribuito positivamente.

Leggi tutto

Tra gli obiettivi di investimento del fondo, vi è la ricerca di trend emergenti che possano caratterizzare gli scenari economici futuri. Tra questi oggetto di attenzione da parte del gestore è la filiera dell’idrogeno. In tale contesto, autorevoli fonti internazionali, stimano investimenti nello sviluppo e commercializzazione dell’idrogeno e delle celle a combustibile, per circa 1,4 miliardi di dollari all’anno per un totale di 10 miliardi in 5 anni. La crescita è riconducibile all’utilizzo dell’idrogeno nel settore della mobilità, dovuta ai progressi fatti nelle tecnologie di stoccaggio, ma soprattutto di trasformazione in metano. Nel corso del 2017, si sono avuti forti investimenti cinesi in società che producono celle a combustibile per autotrasporto ed in particolare per autobus. Piccole e medie società, che dopo anni di ricerca e sviluppo, vedono realizzarsi un concreto interesse degli investitori per le loro azioni.

PENSACI OGGI

Il fondo flessibile ZENIT PENSACI OGGI segue una filosofia d’investimento basata su un approccio sistematico e disciplinato ai mercati globali con un orizzonte temporale di medio-lungo termine. Il portafoglio del fondo viene gestito utilizzando una pluralità di strategie che, sapientemente miscelate, consentono di cogliere le migliori opportunità con un contenimento dei rischi. Fonti di rendimento sono costituite dalla gestione dinamica di un portafoglio di azioni europee, dall’investimento in fondi flessibili e a rendimento assoluto e dall’individuazione di azioni e settori dei principali megatrend di lungo periodo.

Categoria Assogestioni:
Flessibile

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 10% e il 15%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di rischio*

*Benchmark: Non disponibile per i fondi flessibili.

**Indice Fideuram Fondi Flessibili

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

Nel mese il fondo registra una performance di +3,24% sulla classe R, che porta il risultato da inizio anno a + 4,60%, con una rilevante overperformance sull’indice Fideuram Fondi Flessibili fermo a +2,79%.

Il buon risultato deriva da una serie di scelte che si sono rivelate vincenti:

  • sui singoli titoli, il robusto recupero, dopo un Agosto sottotono, di Prysmian +8,18%, Dassault +6,64% e Soitec +17,69%; presa di profitto su Polo Ralph Lauren e Puma;
  • sugli OICR in portafoglio, risultati brillanti arrivano dallo ZMS – Global Opportunities, da ZMS Stock Picking e dal Lemanik Sicav; nel comparto dei paesi emergenti vi è stata la chiusura con profitto del Brasile;
  • anche la strategia non direzionale pairs trade, ha contribuito positivamente.

Leggi tutto

Tra gli obiettivi di investimento del fondo, vi è la ricerca di trend emergenti che possano caratterizzare gli scenari economici futuri. Tra questi oggetto di attenzione da parte del gestore è la filiera dell’idrogeno. In tale contesto, autorevoli fonti internazionali, stimano investimenti nello sviluppo e commercializzazione dell’idrogeno e delle celle a combustibile, per circa 1,4 miliardi di dollari all’anno per un totale di 10 miliardi in 5 anni. La crescita è riconducibile all’utilizzo dell’idrogeno nel settore della mobilità, dovuta ai progressi fatti nelle tecnologie di stoccaggio, ma soprattutto di trasformazione in metano. Nel corso del 2017, si sono avuti forti investimenti cinesi in società che producono celle a combustibile per autotrasporto ed in particolare per autobus. Piccole e medie società, che dopo anni di ricerca e sviluppo, vedono realizzarsi un concreto interesse degli investitori per le loro azioni.

Zenit Breve Termine

SOLIDO COME UN CONTO,
BRILLANTE COME UN FONDO

Il fondo ZENIT BREVE TERMINE investe sul mercato obbligazionario dell’area Euro.

Il portafoglio è diversificato in titoli governativi e obbligazioni societarie, con una vita residua media inferiore ai due anni e con un elevato rating degli emittenti.

Grazie ad una contenuta variabilità dei rendimenti, il fondo è adatto a chi cerca un investimento prudente con l’obiettivo primario di conservare il proprio capitale.

Valore di Rischio*

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Euro Governativo Breve Termine

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 0,5% e il 2%.

*60% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 30% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 10% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Governativo Breve Termine.
Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

Con settembre riprendono anche le riunioni di politica monetaria, particolarmente attese per la possibilità di apprendere qualche ulteriore dettaglio su tempi e modi del percorso di normalizzazione. In Europa, l’appuntamento rilevante è stato rimandato al 26 ottobre, lasciando per il momento le curve a breve termine ancora su rendimenti fino a 2 anni negativi per l’Italia. Negli Usa, con la possibilità di nuovi rialzi entro l’anno, vi è stato un rialzo tra i 5 e i 15 punti base.  Zenit Breve Termine chiude il mese a +0.17% per la classe I e a +0.135% per la R, grazie soprattutto alla componente corporate, e all’effetto derivante dal rialzo della curva americana.

I mercati, prezzando una politica monetaria più espansiva, hanno permesso al Dollaro il recupero di parte del terreno perduto nei mesi precedenti, su un livello sotto 1.18 verso l’Euro. Il fondo è esposto alla valuta americana per il 5%. Il maggior rendimento delle obbligazioni societari e le nuove emissioni bancarie hanno apportato un buon contributo all’andamento del fondo.

Zenit Megatrend

I GRANDI OBIETTIVI
NON HANNO CONFINI

Il fondo ZENIT MEGATREND investe sui mercati azionari internazionali tramite fondi titoli ed ETF.

La strategia di gestione mira a cogliere le dinamiche di crescita dei differenti mercati,  i contestuali movimenti valutari, oltre che le rotazioni settoriali in essere nel contesto economico di riferimento.

L’effetto diversificazione che si ottiene sul portafoglio permette di mantenere sotto controllo il rischio complessivo nonostante l’esposizione diretta alle dinamiche.

Valore di rischio*

Categoria Assogestioni:
Azionario Internazionale

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*Benchmark:85% MSCI Daily TR Net World in Local Currency | 15% MTS Bot.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Giulio Zaccagnini

Nel mese di settembre il fondo ha registrato una performance di +4.07% per la classe I e +3.96% per la classe R, ponendolo al vertice nel gruppo dei fondi italiani nella categoria azionari internazionali nella performance da inizio anno.

Settembre é stato un buon mese su quasi tutti i mercati azionari internazionali e in particolar modo sul fondo.

L’Europa e l’Italia sono stati tra i migliori listini, con robusti contributi alla performance dagli OICR scelti (tra i quali Zenit Pianeta Italia).

Anche sull’altra sponda dell’atlantico, periodo positivo che ha premiato le scelte sugli USA e la preferenza accordata al comparto dei titoli value.

Leggi tutto

Sull’Asia, buon risultato nonostante un andamento a “macchia di leopardo” dei principali indici della zona: bene le borse giapponesi e coreane, con leggera battuta di arresto per quelle cinesi.

Sui mercati emergenti, presa di profitto sul Brasile.

Sui singoli titoli, hanno decisamente brillato le posizioni sulle società legate alla filiera dell’idrogeno, il recupero robusto di Soitec e l’ottimo mese di Dassault Aviation,Prysmian, Eni e Carraro (chiusa con profitto).

Tra gli ETF tematici, rimbalzo nel mese della robotica e dellagribusiness.

Sulla parte valutaria stabilizzazione del Dollaro statunitense, senza impatti degni di nota sulla performance.

ZENIT BREVE TERMINE

Il fondo ZENIT BREVE TERMINE investe sul mercato obbligazionario dell’area Euro.

Il portafoglio è diversificato in titoli governativi e obbligazioni societarie, con una vita residua media inferiore ai due anni e con un elevato rating degli emittenti.

Grazie ad una contenuta variabilità dei rendimenti, il fondo è adatto a chi cerca un investimento prudente con l’obiettivo primario di conservare il proprio capitale.

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Euro Governativo Breve Termine

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 0,5% e il 2%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

*60% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 30% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 10% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Governativo Breve Termine.
Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

Con settembre riprendono anche le riunioni di politica monetaria, particolarmente attese per la possibilità di apprendere qualche ulteriore dettaglio su tempi e modi del percorso di normalizzazione. In Europa, l’appuntamento rilevante è stato rimandato al 26 ottobre, lasciando per il momento le curve a breve termine ancora su rendimenti fino a 2 anni negativi per l’Italia. Negli Usa, con la possibilità di nuovi rialzi entro l’anno, vi è stato un rialzo tra i 5 e i 15 punti base.  Zenit Breve Termine chiude il mese a +0.17% per la classe I e a +0.135% per la R, grazie soprattutto alla componente corporate, e all’effetto derivante dal rialzo della curva americana.

I mercati, prezzando una politica monetaria più espansiva, hanno permesso al Dollaro il recupero di parte del terreno perduto nei mesi precedenti, su un livello sotto 1.18 verso l’Euro. Il fondo è esposto alla valuta americana per il 5%. Il maggior rendimento delle obbligazioni societari e le nuove emissioni bancarie hanno apportato un buon contributo all’andamento del fondo.

ZENIT MEGATREND

Il fondo ZENIT MEGATREND investe sui mercati azionari internazionali tramite fondi titoli ed ETF.

La strategia di gestione mira a cogliere le dinamiche di crescita dei differenti mercati,  i contestuali movimenti valutari, oltre che le rotazioni settoriali in essere nel contesto economico di riferimento.

L’effetto diversificazione che si ottiene sul portafoglio permette di mantenere sotto controllo il rischio complessivo nonostante l’esposizione diretta alle dinamiche.

Categoria Assogestioni:
Azionario Internazionale

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di rischio*

*Benchmark:85% MSCI Daily TR Net World in Local Currency | 15% MTS Bot.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Giulio Zaccagnini

Nel mese di settembre il fondo ha registrato una performance di +4.07% per la classe I e +3.96% per la classe R, ponendolo al vertice nel gruppo dei fondi italiani nella categoria azionari internazionali nella performance da inizio anno.

Settembre é stato un buon mese su quasi tutti i mercati azionari internazionali e in particolar modo sul fondo.

L’Europa e l’Italia sono stati tra i migliori listini, con robusti contributi alla performance dagli OICR scelti (tra i quali Zenit Pianeta Italia).

Anche sull’altra sponda dell’atlantico, periodo positivo che ha premiato le scelte sugli USA e la preferenza accordata al comparto dei titoli value.

Leggi tutto

Sull’Asia, buon risultato nonostante un andamento a “macchia di leopardo” dei principali indici della zona: bene le borse giapponesi e coreane, con leggera battuta di arresto per quelle cinesi.

Sui mercati emergenti, presa di profitto sul Brasile.

Sui singoli titoli, hanno decisamente brillato le posizioni sulle società legate alla filiera dell’idrogeno, il recupero robusto di Soitec e l’ottimo mese di Dassault Aviation,Prysmian, Eni e Carraro (chiusa con profitto).

Tra gli ETF tematici, rimbalzo nel mese della robotica e dellagribusiness.

Sulla parte valutaria stabilizzazione del Dollaro statunitense, senza impatti degni di nota sulla performance.

I NOSTRI PARTNER