I FONDI ZENIT

Tutti i fondi sono disponibili presso i nostri partners e presso la sede in modalità CLASSICA (classi R ,E)  o in modalità FAI DA TE (classi W, P6 ,I).

Le classi W (PIR) e P6 sono disponibili ON LINE

Con

entri nel mondo Zenit e puoi sottoscrivere i fondi PIR e Pensaci Oggi  in modalità FAI DA TE velocemente e a costi contenuti

  • Sottoscrivi Online
  • Gestisci i tuoi investimenti
  • Resta sempre aggiornato

Zenit Obbligazionario

LA SICUREZZA DI CHI
HA VOGLIA DI CRESCERE

Il fondo ZENIT OBBLIGAZIONARIO investe principalmente in titoli corporate ed utilizza i mercati azionari come ulteriore fonte di rendimento per un massimo del 20%. Il fondo supporta il tessuto economico italiano investendo almeno il 70% nelle aziende domestiche, con particolare attenzione alle PMI. In portafoglio trovano spazio, in misura minore, anche obbligazioni europee e/o titoli internazionali, nelle loro valute di riferimento per assicurare un effetto diversificazione. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W, disponibile su Zenit Online.

Scheda Obbligazionario – Classe I

Scheda Obbligazionario – Classe R

Valore di Rischio*

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Misto

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 2% e il 5%.

*50% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 25% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 20% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Misto.

Classe I – Dati aggiornati al 31-12-2016
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

Nel mese si è manifestato un ritorno di avversione al rischio, dapprima negli USA con i titoli high yied che in una settimana perdono circa il 7.5%, e successivamente sui titoli europei, con un ribasso abbastanza generalizzato, in qualche caso amplificato da specifiche storie aziendali. Parte della correzione è stata riassorbita nelle settimane successive, senza però raggiungere le quotazioni di fine ottobre. Gli spread nel comparto high yield europei a 5 anni, dopo un restringimento fino a 220 punti base, si sono riposizionati sui 235 punti base, mentre sui titoli investment grade si assestano sui 50 punti base.

Leggi tutto

La parte a lungo termine delle curve europee non ha particolarmente risentito delle incertezze degli eventi politici internazionali, compreso il debito governativo dei paesi periferici. Ciò a conferma del ruolo ancora predominante della BCE nel “dirigere” le aspettative del mercato.

In Usa continua l’appiattimento della curva, con i tassi a 10 anni intorno al 40%, e i segmenti a breve in risalita di circa 20 bp, a scontare il rialzo di fine anno e i tre attualmente previsti nel 2018. Dollaro di nuovo debole in zona 1.18 contro euro (l’esposizione del fondo é di circa 4%).

Il fondo è investito per il 63% su obbligazioni italiane, alcune delle quali hanno sofferto l’allargamento degli spread, in particolar modo nel comparto bancario. L’esposizione complessiva sul settore finanziario é pari al 25%, tra titoli azionari ed obbligazionari.

Riteniamo in generale eccessive le penalizzazioni su alcuni titoli, tanto da farle ritenere delle buone opportunità di acquisto.

L’esposizione azionaria del fondo rimane intorno al 14%, con variazioni nella composizione del paniere delle small caps Infine circa il 3% è investito nella strategia pair trade su titoli europei, utilizzata come elemento di parziale de-correlazione al mercato domestico.

Il fondo stabilmente posizionato su posizioni di vertice nella sua categoria.

Zenit Pianeta Italia

LE ECCELLENZE PIU’ PROMETTENTI
DEL NOSTRO PAESE

Il fondo ZENIT PIANETA ITALIA investe su titoli azionari del mercato italiano con uno specifico focus sulle società a piccola e media capitalizzazione. È caratterizzato da una gestione dinamica volta alla ricerca di società con buoni fondamentali e prospettive di crescita, senza trascurare le dinamiche di rotazione settoriale. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E (Esente) distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W (Web esente), disponibile su Zenit Online.

Scheda Pianeta Italia – Classe I

Scheda Pianeta Italia – Classe R

Valori di Rischio*

Categoria Assogestioni:
Azionario Italia

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*85% FTSE Italy All-Share Total Return | 15% MTS ex-Bank of Italy BOT.

**Fideuram Azionario Italia

Classe I – Dati aggiornati al 31-12-2016
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri
Stefano Fabiani

Responsabile Azionario e Gestioni Patrimoniali

Stefano Fabiani

Mese negativo per il mercato italiano, con prese di profitto che sono iniziate dal settore bancario per poi estendersi a molti dei settori che si sono più apprezzati da inizio anno, comprese le medie e piccole capitalizzazioni.

I migliori contributi alla performance provengono dalle medie capitalizzazioni, con IMMSI, Fincantieri, ERG, Servizi Italia ed Aeroporti Bologna, che si sono mossi in controtendenza rispetto all’indice e hanno chiuso il mese con variazioni positive a doppia cifra.

Leggi tutto

In sofferenza il settore bancario, comunque in sottopeso nel fondo; periodo particolarmente difficile per Leonardo, che ha subito una profonda correzione a seguito di risultati deludenti sulla business unit Anche fra le small caps ci sono state prese di profitto, che in alcuni casi hanno rappresentato occasioni di ingresso o di riacquisto su titoli ritenuti di qualità.

Il fondo continua a premiare sia rispetto alla concorrenza (indice Fideuram Azionari Italia) che al suo benchmark.

ZENIT OBBLIGAZIONARIO

Il fondo ZENIT OBBLIGAZIONARIO investe principalmente in titoli corporate ed utilizza i mercati azionari come ulteriore fonte di rendimento per un massimo del 20%. Il fondo supporta il tessuto economico italiano investendo almeno il 70% nelle aziende domestiche, con particolare attenzione alle PMI. In portafoglio trovano spazio, in misura minore, anche obbligazioni europee e/o titoli internazionali, nelle loro valute di riferimento per assicurare un effetto diversificazione. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W, disponibile su Zenit Online.

Scheda Obbligazionario – Classe I

Scheda Obbligazionario – Classe R

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Misto

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 2% e il 5%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valori di Rischio*

*50% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 25% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 20% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Misto.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

Nel mese si è manifestato un ritorno di avversione al rischio, dapprima negli USA con i titoli high yied che in una settimana perdono circa il 7.5%, e successivamente sui titoli europei, con un ribasso abbastanza generalizzato, in qualche caso amplificato da specifiche storie aziendali. Parte della correzione è stata riassorbita nelle settimane successive, senza però raggiungere le quotazioni di fine ottobre. Gli spread nel comparto high yield europei a 5 anni, dopo un restringimento fino a 220 punti base, si sono riposizionati sui 235 punti base, mentre sui titoli investment grade si assestano sui 50 punti base.

Leggi tutto

La parte a lungo termine delle curve europee non ha particolarmente risentito delle incertezze degli eventi politici internazionali, compreso il debito governativo dei paesi periferici. Ciò a conferma del ruolo ancora predominante della BCE nel “dirigere” le aspettative del mercato.

In Usa continua l’appiattimento della curva, con i tassi a 10 anni intorno al 40%, e i segmenti a breve in risalita di circa 20 bp, a scontare il rialzo di fine anno e i tre attualmente previsti nel 2018. Dollaro di nuovo debole in zona 1.18 contro euro (l’esposizione del fondo é di circa 4%).

Il fondo è investito per il 63% su obbligazioni italiane, alcune delle quali hanno sofferto l’allargamento degli spread, in particolar modo nel comparto bancario. L’esposizione complessiva sul settore finanziario é pari al 25%, tra titoli azionari ed obbligazionari.

Riteniamo in generale eccessive le penalizzazioni su alcuni titoli, tanto da farle ritenere delle buone opportunità di acquisto.

L’esposizione azionaria del fondo rimane intorno al 14%, con variazioni nella composizione del paniere delle small caps Infine circa il 3% è investito nella strategia pair trade su titoli europei, utilizzata come elemento di parziale de-correlazione al mercato domestico.

Il fondo stabilmente posizionato su posizioni di vertice nella sua categoria.

ZENIT PIANETA ITALIA

Il fondo ZENIT PIANETA ITALIA investe su titoli azionari del mercato italiano con uno specifico focus sulle società a piccola e media capitalizzazione. È caratterizzato da una gestione dinamica volta alla ricerca di società con buoni fondamentali e prospettive di crescita, senza trascurare le dinamiche di rotazione settoriale. Il fondo dal 13 febbraio 2017 adotta strategie di investimento che lo rendono adeguato alla recente normativa sui Piani Individuali di Risparmio (PIR). A questo scopo è stata istituita la Classe E (Esente) distribuita presso i collocatori convenzionati e la Classe W (Web esente), disponibile su Zenit Online.

Scheda Pianeta Italia – Classe I

Scheda Pianeta Italia – Classe R

Categoria Assogestioni:
Azionario Italia

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valori di Rischio*

*85% FTSE Italy All-Share Total Return | 15% MTS ex-Bank of Italy BOT.

**Fideuram Azionario Italia

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri
Stefano Fabiani

Responsabile Azionario e Gestioni Patrimoniali

Stefano Fabiani

Mese negativo per il mercato italiano, con prese di profitto che sono iniziate dal settore bancario per poi estendersi a molti dei settori che si sono più apprezzati da inizio anno, comprese le medie e piccole capitalizzazioni.

I migliori contributi alla performance provengono dalle medie capitalizzazioni, con IMMSI, Fincantieri, ERG, Servizi Italia ed Aeroporti Bologna, che si sono mossi in controtendenza rispetto all’indice e hanno chiuso il mese con variazioni positive a doppia cifra.

Leggi tutto

In sofferenza il settore bancario, comunque in sottopeso nel fondo; periodo particolarmente difficile per Leonardo, che ha subito una profonda correzione a seguito di risultati deludenti sulla business unit Anche fra le small caps ci sono state prese di profitto, che in alcuni casi hanno rappresentato occasioni di ingresso o di riacquisto su titoli ritenuti di qualità.

Il fondo continua a premiare sia rispetto alla concorrenza (indice Fideuram Azionari Italia) che al suo benchmark.

Pensaci Oggi

L’INNOVAZIONE AL SERVIZIO DEL TUO FUTURO

Il fondo flessibile ZENIT PENSACI OGGI segue una filosofia d’investimento basata su un approccio sistematico e disciplinato ai mercati globali con un orizzonte temporale di medio-lungo termine. Il portafoglio del fondo viene gestito utilizzando una pluralità di strategie che, sapientemente miscelate, consentono di cogliere le migliori opportunità con un contenimento dei rischi. Fonti di rendimento sono costituite dalla gestione dinamica di un portafoglio di azioni europee, dall’investimento in fondi flessibili e a rendimento assoluto e dall’individuazione di azioni e settori dei principali megatrend di lungo periodo.

Scheda Pensaci Oggi – Classe I

Scheda Pensaci Oggi – Classe R

Valore di rischio*

Categoria Assogestioni:
Flessibile

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 10% e il 15%.

*Benchmark:85% MSCI Daily TR Net World in Local Currency | 15% MTS Bot.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

Andamento speculare nel mese per le borse transatlantiche, con l’Europa negativa (Italia compresa) e gli USA al rialzo.

Gli OICR direzionali e absolute hanno un po’ sofferto, con quest’ultimi solo leggermente negativi ben posizionati per svolgere un’azione difensiva sul portafoglio.

Chiusa con ottimo profitto la posizione sui listini azionari cinesi, sostituita dall’ingresso sul Brasile.

Leggi tutto

ETF tematici in territorio negativo, ad eccezione del settore della robotica che si è ben difeso.

Andamenti non positivi portafoglio titoli, dove si è ben comportata l’azione Starbucks.

La strategia di pairs trading (long/short) ha svolto bene il suo ruolo di protezione al ribasso, dando un contributo positivo alla performance del mese.

PENSACI OGGI

Il fondo flessibile ZENIT PENSACI OGGI segue una filosofia d’investimento basata su un approccio sistematico e disciplinato ai mercati globali con un orizzonte temporale di medio-lungo termine. Il portafoglio del fondo viene gestito utilizzando una pluralità di strategie che, sapientemente miscelate, consentono di cogliere le migliori opportunità con un contenimento dei rischi. Fonti di rendimento sono costituite dalla gestione dinamica di un portafoglio di azioni europee, dall’investimento in fondi flessibili e a rendimento assoluto e dall’individuazione di azioni e settori dei principali megatrend di lungo periodo.

Scheda Pensaci Oggi – Classe I

Scheda Pensaci Oggi – Classe R

Categoria Assogestioni:
Flessibile

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 10% e il 15%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di rischio*

*Benchmark: Non disponibile per i fondi flessibili.

**Indice Fideuram Fondi Flessibili

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Gestore del Fondo

Giulio Zaccagnini

Andamento speculare nel mese per le borse transatlantiche, con l’Europa negativa (Italia compresa) e gli USA al rialzo.

Gli OICR direzionali e absolute hanno un po’ sofferto, con quest’ultimi solo leggermente negativi ben posizionati per svolgere un’azione difensiva sul portafoglio.

Chiusa con ottimo profitto la posizione sui listini azionari cinesi, sostituita dall’ingresso sul Brasile.

Leggi tutto

ETF tematici in territorio negativo, ad eccezione del settore della robotica che si è ben difeso.

Andamenti non positivi portafoglio titoli, dove si è ben comportata l’azione Starbucks.

La strategia di pairs trading (long/short) ha svolto bene il suo ruolo di protezione al ribasso, dando un contributo positivo alla performance del mese.

Zenit Breve Termine

SOLIDO COME UN CONTO,
BRILLANTE COME UN FONDO

Il fondo ZENIT BREVE TERMINE investe sul mercato obbligazionario dell’area Euro.

Il portafoglio è diversificato in titoli governativi e obbligazioni societarie, con una vita residua media inferiore ai due anni e con un elevato rating degli emittenti.

Grazie ad una contenuta variabilità dei rendimenti, il fondo è adatto a chi cerca un investimento prudente con l’obiettivo primario di conservare il proprio capitale.

Scheda Breve Termine – Classe I

Scheda Breve Termine – Classe R

Valore di Rischio*

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Euro Governativo Breve Termine

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 0,5% e il 2%.

*60% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 30% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 10% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Governativo Breve Termine.
Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

I segmenti a breve termine si sono mossi differentemente: in Germania e Stati Uniti (aree core), con un leggero rialzo, marginale nel primo (3-5 bp), più marcato nel secondo (15-18 bp); nei Paesi periferici europei, una riduzione dei rendimenti a breve termine di 3-5 bp, grazie anche alla presenza “attiva” della BCE.

Il fondo è esposto per il 55% nel comparto corporate europeo, che ha vissuto giornate di elevata volatilità, per alcuni dati aziendali trimestrali più deboli del previsto. Il movimento si è comunque ricomposto negli ultimi giorni del mese.

Ritorno non positivo dall’esposizione sul dollaro (pari al 3.5% del fondo) a causa del suo indebolimento, nonostante il nuovo presidente in pectore della FED Powell, abbia dichiarato una politica di continuità rispetto alla presidenza Yellen; dal comportamento della valuta americana, sembrano abbiamo fatto premio le affermazioni sulla mancanza di spinte inflattive consistenti, spingendo il dollaro oltre 1.18 verso Euro.

Rendimento del fondo da inizio anno sempre positivo.

Zenit Megatrend

I GRANDI OBIETTIVI
NON HANNO CONFINI

Il fondo ZENIT MEGATREND investe sui mercati azionari internazionali tramite fondi titoli ed ETF.

La strategia di gestione mira a cogliere le dinamiche di crescita dei differenti mercati,  i contestuali movimenti valutari, oltre che le rotazioni settoriali in essere nel contesto economico di riferimento.

L’effetto diversificazione che si ottiene sul portafoglio permette di mantenere sotto controllo il rischio complessivo nonostante l’esposizione diretta alle dinamiche.

Scheda Megatrend – Classe I

Scheda Megatrend – Classe R

Valore di rischio*

Categoria Assogestioni:
Azionario Internazionale

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*Benchmark:85% MSCI Daily TR Net World in Local Currency | 15% MTS Bot.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Giulio Zaccagnini

Il ribasso dei mercati azionari di Europa e Italia ha impattato modestamente sugli OICR investiti nell’area e presenti in portafoglio.

Positivo l’azionario statunitense, con conseguente buona contribuzione alla performance. Sui titoli, in leggero ribasso alcune scelte legate al settore tecnologico; buon apprezzamento della posizione recentemente aperta su Starbucks.

Asia caratterizzata da un risveglio del Giappone, controbilanciato dalla battuta di arresto dei listini cinesi e coreani; scelte corrette dalla selezione sui prodotti nell’area, con una presa di profitto sulla Cina a favore dell’ingresso sul Brasile.

Leggi tutto

Mancati apprezzamenti sulle compagnie tecnologiche comprese quelle legate alla filiera dell’idrogeno.

Performance diverse sugli ETF tematici, con tenuta sulla robotica e calo delle energie rinnovabili.

Sulla componente valutaria, nuovo ribasso del dollaro contro euro.

Il fondo rimane sempre al vertice nella categoria degli omologhi OICR di diritto italiano.

ZENIT BREVE TERMINE

Il fondo ZENIT BREVE TERMINE investe sul mercato obbligazionario dell’area Euro.

Il portafoglio è diversificato in titoli governativi e obbligazioni societarie, con una vita residua media inferiore ai due anni e con un elevato rating degli emittenti.

Grazie ad una contenuta variabilità dei rendimenti, il fondo è adatto a chi cerca un investimento prudente con l’obiettivo primario di conservare il proprio capitale.

Scheda Breve Termine – Classe I

Scheda Breve Termine – Classe R

Categoria Assogestioni:
Obbligazionario Euro Governativo Breve Termine

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 0,5% e il 2%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di Rischio*

*60% BofA Merrill Lynch EMU Direct Governments 1-3 Yrs | 30% BofA Merrill Lynch Euro Currency LIBOR 3-month Constant Maturity, | 10% BofA Merrill Lynch EMU Corporates 1-3 Yrs.

**Fideuram Obbligazionario Governativo Breve Termine.
Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

Responsabile Bond e Valute

Francesca Cerminara

I segmenti a breve termine si sono mossi differentemente: in Germania e Stati Uniti (aree core), con un leggero rialzo, marginale nel primo (3-5 bp), più marcato nel secondo (15-18 bp); nei Paesi periferici europei, una riduzione dei rendimenti a breve termine di 3-5 bp, grazie anche alla presenza “attiva” della BCE.

Il fondo è esposto per il 55% nel comparto corporate europeo, che ha vissuto giornate di elevata volatilità, per alcuni dati aziendali trimestrali più deboli del previsto. Il movimento si è comunque ricomposto negli ultimi giorni del mese.

Ritorno non positivo dall’esposizione sul dollaro (pari al 3.5% del fondo) a causa del suo indebolimento, nonostante il nuovo presidente in pectore della FED Powell, abbia dichiarato una politica di continuità rispetto alla presidenza Yellen; dal comportamento della valuta americana, sembrano abbiamo fatto premio le affermazioni sulla mancanza di spinte inflattive consistenti, spingendo il dollaro oltre 1.18 verso Euro.

Rendimento del fondo da inizio anno sempre positivo.

ZENIT MEGATREND

Il fondo ZENIT MEGATREND investe sui mercati azionari internazionali tramite fondi titoli ed ETF.

La strategia di gestione mira a cogliere le dinamiche di crescita dei differenti mercati,  i contestuali movimenti valutari, oltre che le rotazioni settoriali in essere nel contesto economico di riferimento.

L’effetto diversificazione che si ottiene sul portafoglio permette di mantenere sotto controllo il rischio complessivo nonostante l’esposizione diretta alle dinamiche.

Scheda Megatrend – Classe I

Scheda Megatrend – Classe R

Categoria Assogestioni:
Azionario Internazionale

*L’indicatore sintetico rappresenta la volatilità storica annualizzata del fondo in un periodo di 5 anni. Il fondo si posiziona nella categoria corrispondente a una variabilità dei rendimenti settimanali compresa tra il 15% e il 25%.

*viene utilizzato il rendimento della Classe I.

Valore di rischio*

*Benchmark:85% MSCI Daily TR Net World in Local Currency | 15% MTS Bot.

**Fideuram Azionario Internazionale.

Classe I – Dati aggiornati al 30-09-2017
I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri

Giulio Zaccagnini

Il ribasso dei mercati azionari di Europa e Italia ha impattato modestamente sugli OICR investiti nell’area e presenti in portafoglio.

Positivo l’azionario statunitense, con conseguente buona contribuzione alla performance. Sui titoli, in leggero ribasso alcune scelte legate al settore tecnologico; buon apprezzamento della posizione recentemente aperta su Starbucks.

Asia caratterizzata da un risveglio del Giappone, controbilanciato dalla battuta di arresto dei listini cinesi e coreani; scelte corrette dalla selezione sui prodotti nell’area, con una presa di profitto sulla Cina a favore dell’ingresso sul Brasile.

Leggi tutto

Mancati apprezzamenti sulle compagnie tecnologiche comprese quelle legate alla filiera dell’idrogeno.

Performance diverse sugli ETF tematici, con tenuta sulla robotica e calo delle energie rinnovabili.

Sulla componente valutaria, nuovo ribasso del dollaro contro euro.

Il fondo rimane sempre al vertice nella categoria degli omologhi OICR di diritto italiano.

I NOSTRI PARTNER